Parco nazionale d'Abruzzo
Home | Invia Foto | Contatti | Credits
english
NewsLinksEventiPartners
OspitalitàParchiItinerariCittà e PaesiCastelliChiese medievaliEremiArtigianatoGastronomiaNotizie ed Eventi
 Home » Parchi » Parco nazionale d'Abruzzo
Parco nazionale d'Abruzzo
Parco nazionale della Maiella
Parco nazionale del Gran sasso
Parco regionale del Sirente

 Parco nazionale d'Abruzzo


Parco Nazionale d'Abruzzo
(Foto D'Angelo)
 

La nascita del Parco risale al 1923 quando la Riserva di Caccia Reale, sulla base di un Regio Decreto, divenne il primo nucleo di questa grande area protetta. Il parco attualmente tutela un’estensione di circa 44.000 ettari a cui bisogna aggiungere i 60.000 della fascia di protezione esterna.

Piano Cardoso
(Foto D'Angelo)
 

E’ situato nel cuore dell’Appennino centrale, a cavallo tra Abruzzo, Molise e Lazio. Il territorio del parco, caratterizzato da fenomeni di carsismo e glacialismo, è formato da numerose valli, e catene montuose che superano i 2.000 metri di quota quali il Monte Petroso (2.249 m.), il Monte Marsicano (2.245 m.), il Monte Greco (2.285 m.) e il Monte Meta (2.242 m.). L’intera area protetta è attraversata dall’alto corso del fiume Sangro che proprio qui ha le sue sorgenti. Inoltre troviamo anche alcuni interessanti laghi naturali come il lago Vivo, il lago Pantaniello e il lago di Scanno nonché i bacini artificiali di Barrea e della Montagna Spaccata. Il territorio comprende 21 comuni dai quali partono itinerari segnalati, collegati da una rete di centri visita, rifugi musei naturalistici e strutture in grado di rispondere alle varie esigenze dei turisti. Gli itinerari più conosciuti sono quelli che conducono alla Camosciara alla Val Fondillo , alla Cicerana, al Monte Morsicano. Ovunque si possono ammirare estese foreste di faggio che si aprono in verdi radure o in scorci panoramici su monti del parco.
L’area protetta del Parco Nazionale d’Abruzzo è senza dubbio la più concentrata sintesi delle caratteristiche naturali dell’Appennino: comprende circa 1900 specie di piante, 60 specie di mammiferi, 230 specie di uccelli e 40 specie di rettili anfibi e pesci.

Lago di Barrea
(Foto D'Angelo)
 
Nella varia e ricca natura arborea della foresta abruzzese, oltre al già citato faggio troviamo l’acero di monte, il frassino, il sorbo di montagna e il tasso. Significativi sono il pino nero di Villetta Barrea e il pino mugo che si trova al di sopra dei 1900 m. Tra i fiori di questo parco possiamo ammirare il giaggiolo del parco, la scarpetta di Venere , una orchidea bella e rara, l’anemone alpina, il giglio rosso, l’ iris marsica.

Orso Bruno marsicano
(Foto D'Angelo)
 
Per quanto riguarda la fauna di questo parco, tre sono gli animali che lo caratterizzano: l’ Orso bruno marsicano con 80/100 esemplari, il Camoscio d’Abruzzo con 400/450 esemplari e il Lupo appenninico con una trentina di esemplari.

Lince
(Foto D'Angelo)
 
Altri animali illustri sono: l’Aquila reale (una decina di esemplari), il cervo, il capriolo, lo scoiattolo, la lince , la donnola, la puzzola e il tasso. Tra gli uccelli ricordiamo oltre all’Aquila , il falco pellegrino, la poiana, il gufo reale, il barbagiann i , la civetta,  il germano reale e il picchio.
 
 
 
COME RAGGIUNGERE IL PARCO:
Per chi proviene da Roma o da Pescara è possibile utilizzare le autostrade A24 e A25 e uscire ai caselli di Avezzano, Celano, Pescina e Cocullo.
Dall'autostrada A1 Roma-Napoli, uscire al casello di Frosinone proseguendo poi per Sora-Forca D'Acero. Proveniendo da sud si percorre l'autostrada A1 fino al casello di Caianiello e si prosegue per Venafro Alfedena.
07/02/2013


  Home | Invia Foto | Contatti | Credits
© 2004-2005 - Grafica e contenuti sono proprietà di Abruzzo Verde Blu - Credits: